Vai all’indice

Sequenza di parole nella proposizione principale

Una frase è composta da soggetto (persone o cose agenti), da predicato (una o più forme verbali) e da eventuali altre componenti.

Nella proposizione principale (col punto alla fine) il verbo coniugato si trova sempre alla seconda posizione.

I II III
Ich gehe heute ins Kino.
Unser Vater spielt gern Tennis.
Natalie faulenzt nicht gern.
Ich gehe heute ins Kino.
= Oggi vado al cinema
Unser Vater spielt gern Tennis.
= A nostro padre piace giocare a tennis.
Natalie faulenzt nicht gern.
= A Natalie non piace stare senza far niente.

Se la prima posizione è occupata da un’altra componente della frase, il soggetto segue immediatamente il verbo coniugato.

I II III
Heute gehe ich ins Kino.
Heute gehe ich ins Kino.
= Oggi vado al cinema.

Frase interrogativa

Domanda chiusa - senza pronome interrogativo: il verbo coniugato è in prima posizione, seguito subito dal soggetto.

I II III
Gehst du heute ins Kino?
Gibt es etwas über Architektur?
Gehst du heute ins Kino?
= Vai al cinema oggi?
Gibt es etwas über Architektur?
= C'è qualcosa sull'architettura?

A tale domanda chiusa si risponde con “Ja.” (Sì) oppure “Nein” (No).

Domanda aperta - con pronome interrogativo: il pronome interrogativo è in prima, il verbo coniugato in seconda posizione, seguito subito dal soggetto.

I II III
Wohin gehst du heute?
Wie ist Ihr Name?
Wo ist die Ausstellung?
Wohin gehst du heute?
= Dove vai oggi?
Wie ist Ihr Name?
= Qual è il Suo nome?
Wo ist die Ausstellung?
= Dov'è la mostra?

Pronome interrogativo

I pronomi interrogativi iniziano con la lettera “w-”.

wer? (= “wer?” (chi? nominativo))
  • Wer ist das?
    Questo chi è?
was? (= “was?” (che cosa?))
  • Was möchtest du trinken?
    Cosa desideri bere?
  • Was machen wir heute?
    Cosa facciamo oggi?
wessen? (= “wessen?” (di chi?))
  • Wessen Katze ist das?
    Di chi è questo gatto?
wem? (= “wem?” (a chi?))
  • Wem soll ich helfen?
    A chi devo aiutare?
wen? (= “wen?” (chi? accusativo))
  • Wen besuchen wir heute?
    Chi andiamo a trovare oggi?
warum? (= “warum?” (perché?))
  • Warum warst du nicht in der Schule?
    Perché non eri a scuola?
wann? (= “wann?” (quando?))
  • Wann kommst du zu uns?
    Quando vieni da noi?
wo? (= “wo?” (dove? stato in luogo))
  • Wo wohnst du?
    Dove abiti?
  • Wo ist die Ausstellung?
    Dov'è la mostra?
wohin? (= “wohin?” (dove? moto a luogo))
  • Wohin fahrt ihr im Urlaub?
    Dove andate in vacanza?
woher? (= “woher?” (da dove?))
  • Woher kommst du?
    Da dove vieni?

Sequenza dei complementi nella proposizione

Quando una frase ha due complementi oggetto, il complemento indiretto viene anteposto al complemento diretto.

Ich gebe meinem Freund das Buch.
= Dò il libro al mio amico.

Un pronome personale oggetto viene sempre prima di un sostantivo oggetto.

Ich gebe ihm das Buch.
= Gli dò il libro.
Ich gebe es ihm.
= Lo dò a lui.

Quando nella stessa proposizione sono presenti due pronomi personali oggetto, quello all'accusativo viene prima di quello al dativo.

Ich gebe meinem Freund das Buch.
Ich gebe es ihm.

Negazione "nicht”

La negazione “nicht” è usata per negare l'intera proposizione oppure una sola componente.

Per negare la frase intera: “nicht ” si mette alla fine della frase, ma prima della eventuale seconda parte del predicato.

Ich liebe dich nicht.
= Non ti amo.
Ich kann leider nicht schwimmen.
= Purtroppo non so nuotare.

Per negare una componente della frase: si inserisce “nicht” davanti alla componente negata.

Ich will nicht jetzt schwimmen (sondern in einer Stunde).
= Non voglio nuotare adesso (ma tra un'ora).
Sie geht nicht mit Florian (sondern mit Markus).
= Lei non va con Florian (ma con Markus).

Domande con “welch-”

La proposizione interrogativa con “welch-” si usa per la scelta di una persona o cosa specifica tra diverse.

La proposizione con “welch-” precede il sostantivo prendendo il posto dell’articolo.

“Welch-” si declina come l’articolo determinativo.

Tabella 1 – Desinenze del caso
maskulin feminina neutral Plural
Nominativ
  • welcher Tisch?
    welcher Tisch?
  • welcher Rock?
    welcher Rock?
  • welche Lampe?
    welche Lampe?
  • welche Jacke?
    welche Jacke?
  • welches Bett?
    welches Bett?
  • welches Kleid?
    welches Kleid?
  • welche Stühle?
    welche Stühle?

  • welche Schuhe?
Genitiv
  • welches Tisches?
  • welches Rockes?
  • welcher Lampe?
  • welcher Jacke?
  • welches Bettes?
  • welches Kleides?
  • welcher Stühle?
  • welcher Schuhe?
Dativ
  • welchem Tisch?
  • welchem Rock?
  • welcher Lampe?
  • welcher Jacke?
  • welchem Bett?
  • welchem Kleid?
  • welchen Stühlen?
  • welchen Schuhen?
Akkusativ
  • welchen Tisch?
  • welchen Rock?
  • welche Lampe?
  • welche Jacke?
  • welches Bett?
  • welches Kleid?
  • welche Stühle?
  • welche Schuhe?

Proposizioni causali con “weil”

La congiunzione “weil” (poiché) indica una causa. Alla congiunzione segue una proposizione subordinata (“weil” + soggetto + altre componenti della proposizione + verbo coniugato alla fine). Se la proposizione con “weil” precede, la seguente proposizione principale deve iniziare con il verbo coniugato.

Ich bleibe heute zu Hause, weil ich sehr krank bin.
= Oggi rimango a casa, perché sono molto malato.
Weil ich sehr krank bin, bleibe ich heute zu Hause.
= Dato che sono malato, oggi rimango a casa.
Wir kommen schon am Freitag, weil wir einen langen Weg haben.
= Veniamo già il venerdì perché abbiamo molta strada da fare.
Ich bin sauer, weil ich Hunger habe.
= Sono arrabbiato perché ho fame.

Proposizioni oggettive con “dass”

Objektsätze mit „dass”

La proposizione oggettiva inizia con la congiunzione “dass”(che). La congiunzione “dass” introduce una proposizione subordinata (“dass” + soggetto + altre componenti + verbo coniugato alla fine).

Er hat gesagt, dass sie nicht kommen können.
= Lui ha detto che lei non può venire.
Wahrscheinlich haben Sie schon erfahren, dass es neue Lehrerinnen und Lehrer gibt.
= Probabilmente Lei sa già che ci sono nuove insegnanti e nuovi insegnanti.
Bist du sicher, dass Ömer in der Schule isst?
= Sei sicuro che Ömer mangi a scuola?

Alcune proposizioni subordinate sostituiscono un membro della porposizione. Per questo sono anche chiamate proposizioni dipendenti.

Quando una proposizione subordinata, come in questo caso, sostituisce un oggetto, viene denominata proposizione oggettiva. Questa proposizione subordinata svolge la funzione di un oggetto accusativo della proposizione principale.

La domanda per una proposizione oggettiva è la stessa che per l'oggetto.

Was weißt du? – Ich weiß, dass du in deinem Architektenbüro viel zu tun hast.
= Cosa sai? – So che hai molto da fare nel tuo studio d'architettura.
Was hast du erfahren? – Ich habe erfahren, dass der Bus nicht fährt.
= Cosa hai saputo? – Ho saputo che l'autobus non viaggia.
Nur knapp 18 Prozent der Umfrageteilnehmer gaben an, dass sie absolut vertraut im Umgang mit komplexen Fahrzeugtechniken sind.Was gaben 18 Prozent der Umfrageteilnehmer an? Dass sie absolut vertraut im Umgang mit komplexen Fahrzeugtechniken sind.
= Solo il 18 per cento dei soggetti intervistati hanno dichiarato di essere perfettamente padroni delle complesse tecnologie dei veicoli. – Cosa hanno dichiarato il 18 per cento dei soggetti intervistati? Che sono perfettamente padroni delle complesse tecnologie dei veicoli.

Subjektsätze mit “dass”

Quando una proposizione subordinata si trova al posto di un soggetto, viene denominata proposizione soggettiva. Una proposizione soggettiva trasmette un'informazione sul soggetto e si formula nella proposizione interrogativa con {1} o {2}.

Mein größter Wunsch ist, dass meine Freundin mich zu Weihnachten besucht. - Was ist mein größter Wunsch? - Dass meine Freundin mich zu Weihnachten besucht.
= Il mio più grande desiderio è che la mia amica venga a trovarmi a Natale. - Qual è il mio più grande desiderio? - Che la mia amica venga a trovarmi a Natale.
Dass es nicht schneit, ist sehr schade. - Was ist sehr schade? - Dass es nicht schneit.
= Il fatto che non nevica è veramente un gran peccato. - Cos'è un gran peccato? - Il fatto che non nevica.

Proposizioni interrogative indirette

Nelle proposizioni composte le domande possono comparire come proposizioni subordinate.

Nella proposizione subordinata formata dalla domanda aperta (cioè con un pronome interrogativo in prima posizione) il verbo coniugato sta alla fine.

Was hast du heute gekauft?
= Cos'hai comprato oggi?
Ich habe gefragt, was du heute gekauft hast.
= Ho chiesto che cosa hai comprato oggi.
Ich würde auch gerne wissen, wann das Kinocafé aufmacht.
= Vorrei anche sapere quando apre il cinecaffé.

La proposizione subordinata formata da una domanda chiusa è introdotta dalla congiunzione “ob” (se) e termina con il verbo coniugato.

Kommst du heute zu mir?
Vieni da me oggi?
Ich habe gefragt, ob du heute zu mir kommst.
Ho chiesto se oggi vieni da me.
Ist die E-Mail-Adresse richtig?
E' giusto questo indirizzo di e-mail?
Ich bin nicht sicher, ob die E-Mail-Adresse richtig ist.
Non sono sicuro se questo indirizzo di e-mail sia giusto.
Könnten Sie mich bitte zurückrufen und mir sagen, ob die Reservierung in Ordnung geht?
= Per favore, potrebbe richiamarmi e dirmi se la prenotazione va bene?

Proposizioni condizionali con “wenn”

La congiunzione “wenn” (se) indica una condizione. Alla congiunzione segue una proposizione subordinata (soggetto + altre componenti della proposizione + verbo coniugato alla fine).

Wenn das Wetter heute schön ist, gehen wir in den Park.
= Se fa bello oggi andiamo al parco.
Wir gehen in den Park, wenn das Wetter heute schön ist.
= Andiamo al parco se oggi fa bello.
Wenn es mit der Karriere als Fußballspieler nichts wird, habe ich schon einen Plan B.
= Se non riuscirò a far carriera nel calcio, ho già un piano B.
Wenn Sie sofort übersiedeln möchten, können Sie bei einer älteren Dame im Stadtzentrum wohnen.
= Se desidera trasferirsi subito, può abitare da una signora anziana nel centro della città.

Nelle proposizioni condizionali (irreali) si usa spesso il congiuntivo.

Wenn das Wetter heute schön wäre, würden wir in den Park gehen.
= Se oggi il tempo fosse bello, andremmo al parco.
Wir würden in den Park gehen, wenn das Wetter heute schön wäre.
= Andremmo al parco se oggi facesse bello.
Zum Schluss möchte ich Sie noch darauf hinweisen, dass es im Stiegenhaus viel gemütlicher wäre, wenn die Heizung funktionieren würde.
= Per finire vorrei anche farle notare che si starebbe molto meglio nella tromba delle scale se il riscaldamento funzionasse.
Es wäre schön, wenn Sie sich bis Montag nächster Woche melden könnten.
= Sarebbe bello se potesse farsi sentire entro lunedì della prossima settimana.
Wenn Sie noch ein bisschen warten könnten, hätte ich ein sehr günstiges Angebot.
= Se potrebbe aspettare ancora un po', avrei una proposta molto vantaggiosa.

Proposizioni concessive con “obwohl”e “trotzdem”

La proposizione concessiva risponde alla domanda "Malgrado quale motivo contrario?"

La proposizione concessiva può essere introdotta dalla congiunzione “obwohl” (benché). Segue la proposizione subordinata (soggetto + altre componenti della frase + verbo coniugato alla fine).

Obwohl es sehr stark regnet, gehen wir mit dem Hund spazieren.
= Malgrado piova molto, andiamo a passeggiare col cane.
Gehen wir mit dem Hund spazieren, obwohl es sehr stark regnet.
= Andiamo a passeggiare col cane anche se piove molto forte.
Muss ich auch zahlen, obwohl er kein Mittagessen hat?
= Devo pagare anch'io anche se lui non ha il pranzo?
Obwohl das nicht der Hausordnung widerspricht, stört es mich sehr bei meiner Arbeit.
= Malgrado ciò non sia in contrasto col regolamento interno, mi disturba molto durante il lavoro.

La proposizione concessiva può anche iniziare con l’avverbio “trotzdem” (tuttavia). La congiunzione richiede l'inversione di verbo e soggetto (verbo coniugato + soggetto + altre componenti della frase).

Es regnet sehr stark, trotzdem gehen wir mit dem Hund spazieren.
= Sta piovendo molto forte, nonostante ciò andiamo a passeggiare col cane.
Ich habe die Mieter schon mehrmals auf diese Probleme hingewiesen, trotzdem hat sich bisher leider gar nichts geändert.
= Ho accennato diverse volte a questi problemi agli inquilini, eppure finora purtoppo non è cambiato proprio nulla.

Proposizioni consecutive con “deshalb”

La congiunzione “deshalb” (perciò) indica una conseguenza e richiede l'inversione di predicato e soggetto (“deshalb” + verbo coniugato + soggetto + altre componenti).

Ich bin sehr krank, deshalb bleibe heute zu Hause.
= Sono molto malato, perciò oggi rimango a casa.
Sie hatten weniger zu tun, deshalb hatten sie bestimmt weniger Stress.
= Avevano poco da fare, perciò sicuramente avevano anche meno stress.

Proposizioni finali con “um … zu” e “damit”

La proposizione finale risponde alla domanda “wozu?” oppure “zu welchem Zweck?” (a quale scopo? a quale fine?).

Se il soggetto della proposizione principale è identico a quello della proposizione finale, quest’ultima è introdotta da “um”, seguono tutte le altre componenti della frase e alla fine si trova l’infinito preceduto da “zu”.

ich (= ich) = ich (= ich)

  • Ich lerne fleißig Deutsch. Ich will in Deutschland studieren.
    Studio assiduamente il tedesco. Voglio studiare in Germania.
  • Ich lerne fleißig Deutsch, um in Deutschland zu studieren.
    Studia assiduamente il tedesco per studiare in Germania.
  • Zwei Škoda-Automechaniker fahren in ein einsames, österreichisches Alpendorf, um Ski zu fahren.
    Due automeccanici della Skoda si recano in un villaggio sulle Alpi austriache perché vogliono sciare.

In una proposizione con “um…zu” non può esserci il verbo modale “wollen” (volere).

  • Laura sieht sich oft Filme an. Sie will mit den Freunden darüber reden.
    Laura guarda molti film. Vuole parlarne insieme ai suoi amici.
  • Laura sieht sich oft Filme an, um will mit den Freunden darüber zu reden.
    Laura guarda molti film per parlarne poi con i suoi amici.

Se i soggetti della proposizione principale e finale non sono identici, la proposizione finale è introdotta dalla congiunzione “damit”. Alla congiunzione segue la proposizione subordinata (soggetto + altre componenti della frase + il verbo coniugato alla fine).

ich (= ich) mein Chef (= il mio principale)

  • Ich lerne fleißig Deutsch. Mein Chef soll zufrieden sein.
    Studio assiduamente il tedesco. Il mio principale dovrebbe essere soddisfatto.
  • Ich lerne fleißig Deutsch, damit mein Chef zufrieden ist.
    Studio assiduamente il tedesco in modo tale che il mio principale sia soddisfatto.

Mehrteilige Konjunktionen „entweder... oder”

Le congiunzioni composte constano di due parti. Possono collegare parti della proposizione o anche intere proposizioni. La prima parte è davanti alla parte di proposizione che si vuole collegare, l'altra parte è tra le parti di proposizione che si vuole collegare.

Junge Männer ab 18 Jahren müssen entweder 6 Monate zum Bundesheer gehen oder einen 9-monatigen Zivildienst bei einer sozialen Organisation machen.
= Gli uomini sopra i 18 anni devono andare per 6 mesi nell'esercito oppure prestare servizio civile per 9 mesi in un'organizzazione sociale.
Im Sommer wollen Markus und Stefanie entweder nach Holland oder nach Frankreich fahren.
= In estate Markus e Stefanie vogliono andare in Olanda o in Francia.
Hans hat immer Glück im Leben. Entweder gewinnt er im Lotto, oder er findet Geld auf der Straße.
= Hans è sempre stato fortunato in vita sua. O vince al lotto oppure trova dei soldi per strada.
Entweder sagst du endlich die Wahrheit, oder ich rufe die Polizei.
= O mi dici finalmente la verità o chiamo la polizia.

Proposizioni relative

Le proposizioni relative sono proposizioni subordinate che descrivono più dettagliatamente il sostantivo della proposizione principale. Generalmente seguono direttamente il sostantivo a cui si riferiscono. Le proposizioni relative sono introdotte da un pronome relativo o un avverbio relativo. Il pronome relativo deve essere declinato nel caso che regge il verbo della proposizione subordinata, e ha la stessa forma dell'articolo determinativo (ad eccezione del dativo plurale). Al pronome relativo segue la proposizione subordinata (soggetto + altre componenti della proposizione + predicato verbale alla fine della proposizione).

Tabella 1 – Desinenze del caso
maskulin feminina neutral Plural
Nominativ
der
die
das
die
Genitiv
des
der
des
der
Dativ
dem
der
dem
denen
Akkusativ
den
die
das
die
Nominativ
Das ist der Mann, der meine Schwester heiraten will.
Questo è l'uomo che vuole sposare mia sorella.
(Wer will meine Schwester heiraten?)
Chi vuole sposare mia sorella?
Genitiv
Das ist der Mann, dessen Haare grau sind.
Questo è l'uomo i cui capelli sono grigi.
(Wessen Haare sind grau?)
Di chi sono i capelli grigi?
Dativ
Das ist der Mann, dem ich gestern begegnet bin.
Questo è l'uomo che ho incontrato ieri.
(Wem bin ich gestern begegnet?)
Chi ho incontrato ieri?
Akkusativ
Das ist der Mann, den meine Schwester liebt.
Questo è l'uomo al quale mia sorella vuole bene.
(Wen liebt meine Schwester?)
A chi vuole bene mia sorella?

Il genere e il numero del pronome relativo sono determinati dal nome al quale si riferiscono. Il caso è determinato dal verbo della frase relativa.

I pronomi relativi possono essere preceduti da una preposizione se lo richiede il verbo della frase relativa.

La proposizione relativa può essere inserita nella proposizione principale (separata da essa da virgole).

Das ist das Mädchen, das ich gut kenne.
= Questa è la ragazza che conosco bene.
Dafür ist der Mieter in der Wohnung Nr. 4 verantwortlich, der auch gestern wieder seinen Kampfhund ohne Beißkorb und Leine frei im Haus herumlaufen ließ.
= Di questo è responsabile l'inquilino dell'appartamento n. 4 che anche ieri ha lasciato circolare liberamente nel condominio il suo cane da combattimento senza museruola.
Die Nachbarn, denen ich Geld geliehen habe, sind sehr nett.
= I vicini ai quali ho prestato dei soldi sono molto gentili.
Weiters möchte ich Sie darauf aufmerksam machen, dass die Frau, die in der Wohnung Nr. 7 wohnt, in der Früh beim Duschen regelmäßig laut und falsch singt.
= Inoltre vorrei farLe notare che la donna che abita nell'appartamento n. 7, regolarmente la mattina presto, mentre fa la doccia, canta a voce alta e male.
Die Straßenbahn, auf die ich warte, kommt endlich.
= Il tram che sto aspettando arriva finalmente.

Quando la proposizione relativa contiene un verbo con preposizione, la preposizione deve stare davanti al pronome relativo.

Die Narrenrufe sind Teil der Karnevalskultur, zu der auch die Karnevalsumzüge gehören.
= I richiami dei buffoni sono parte della cultura del carnevale, di cui fanno parte anche i cortei carnevaleschi.

Quando il pronome relativo si riferisce ad un luogo, l'avverbio {1} può sostituire la preposizione e il pronome relativo.

Das ist die Stadt, in der Einstein geboren wurde.
= Questa è la città in cui è nato Einstein.
oder
= oppure
Das ist die Stadt, wo Einstein geboren wurde.
= Questa è la città dove è nato Einstein.

Proposizioni temporali

Alle congiunzioni temporali segue la proposizione subordinata (soggetto + altre componenti della proposizione + predicato verbale alla fine).

Le congiunzioni “als” e “wenn”

“Wenn” si usa per descrivere un‘azione presente o futura oppure un’azione passata ripetuta.
(La ripetizione può essere sottolineata da avverbi come “immer” o “jedes Mal”).

Wenn er mich besucht, bringt er immer eine Flasche Wein mit.
= Quando viene a trovarmi, porta sempre una bottiglia di vino.
Wenn er mich besuchte, brachte er immer eine Flasche Wein mit.
= Quando veniva a trovarmi, portava sempre una bottiglia di vino.
Immer wenn in ihrem Leben etwas Besonderes passiert ist, hat sie ein Buch geschrieben.
= Ogni volta che è successo qualcosa di particolare nella sua vita, ha scritto un libro.

Funzione temporale delle proposizioni con wenn.

Le proposizioni che iniziano con wenn possono essere condizionali o temporali.

Un'azione che si ripete: la „proposizione con wenn" risponde in goni caso alla domanda {1}.

Sie freuen sich, wenn ich zu ihnen komme und erzählen mir aus ihrem Leben.
= Sono contenti quando vado da loro e mi raccontano della loro vita.
Es ist Winter. Wenn ich morgens aufstehe, ist es draußen noch dunkel.
= E' inverno. Quando mi alzo al mattino, fuori è ancora buio.
Wenn ich abends zu viel Kaffee getrunken habe, kann ich nachts nicht einschlafen.
= Quando bevo troppo caffé di sera, di notte non riesco ad addormentarmi.
Wenn ich mittags Pause mache, klingelt oft mein Telefon und ich werde gestört.
= Quando faccio l'intervallo a mezzogiorno, spesso suona il mio telefono e mi disturba.

Anteriorità e condizione:
La proposizione temporale con {1} indica che l'azione nella proposizione subordinata è anteriore all'azione della proposizione principale. La condizione deve essere soddisfatta affinché l'azione della proposizione principale possa avverarsi.

Wenn ich mein soziales Jahr abgeschlossen habe, möchte ich mit dem Studium beginnen.
= Quando avrò terminato l'anno di volontariato sociale, voglio iniziare a studiare.
Wenn die Kinder ihre Hausaufgaben gemacht haben, können sie fernsehen.
= Quando i bambini avranno finito i compiti per casa, potranno guardare la televisione.
Wenn ich gut Deutsch gelernt habe, möchte ich in Deutschland studieren.
= Quando avrò imparato bene il tedesco, voglio andare a studiare in Germania.

“Als” si usa per indicare un’azione passata non ripetuta.

Als ich den Brief gelesen habe, habe ich mich an die Ferien erinnert.
= Quando ho letto la lettera, mi sono ricordato delle vacanze.
Als ich Kind war, las ich sehr gern Märchen.
= Quando ero bambino mi piaceva molto leggere le fiabe.
Als sie 16 war, wollte sie groß sein und siegen.
= Quando aveva 16 anni, voleva essere grande e vincere.
passato presente, futuro
azione non ripetuta als wenn
azione ripetuta wenn wenn

Congiunzione "bevor"

Bevor ich zu Abend esse, mache ich noch Ordnung in der Küche.
= Prima di cenare, faccio ordine in cucina.
Bevor sie ihren dritten Mann geheiratet hat, war ihre Autobiographie schon fertig.
= Prima di sposare il terzo marito, la sua autobiografia era già completata.

Congiunzione "seit" / "seitdem"

Seitdem ich sie kennen gelernt habe, geht es mir viel besser.
= Da quando la conosco, sto molto meglio.
Seitdem ich dieses Lied singe, kommt die Knef in meine Träume.
= Da quando canto questa canzone, la Knef mi appare in sogno.

Congiunzione “bis”

Wir bleiben hier, bis eure Eltern kommen.
= Rimaniamo qui fino a quando arrivano i vostri genitori.

Congiunzione “während”

Während in Europa noch Krieg herrschte, drehte sie bereits die ersten Filme.
= Mentre in Europa imperversava ancora la guerra, lei girava già i primi film.

Proposizioni infinitive

Il verbo all’infinito si colloca sempre alla fine della frase.

L'infinitivo può essere preceduto dalla preposizione “zu”, che in questo caso non ha alcun significato.

L’infinitivo senza “zu” si presenta con:

  • I verbi modali:

    Ich kann sehr gut schwimmen.
    = Ich kann sehr gut schwimmen.
    Können Sie mich bitte beraten?
    = Können Sie mich bitte beraten?
  • “würden” per il congiuntivo 2

    Ich würde gern nach Australien reisen.
    = Ich würde gern nach Australien reisen.
  • "werden” per il futuro semplice

    In 20 Jahren werden die Menschen auf dem Mond leben.
    = In 20 Jahren werden die Menschen auf dem Mond leben.
  • Alcuni verbi del movimento:

    Wir gehen schwimmen.
    = Wir gehen schwimmen.
    Wann kommst du essen?
    = Wann kommst du essen?
  • I verbi di percezione:

    Ich sehe die Kinder spielen.
    = Ich sehe die Kinder spielen.
    Ich höre die Nachbarin singen.
    = Ich höre die Nachbarin singen.
  • I verbi “lernen” (imparare) e “lehren,” (insegnare):

    Wir lernen Deutsch sprechen.
    = Wir lernen Deutsch sprechen.
    Ich helfe dir die Hausaufgaben machen.
    = Ich helfe dir die Hausaufgaben machen.
  • Il verbo “lassen” (lasciar fare, far fare):

    Ich lasse das Fahrrad reparieren.
    = Ich lasse das Fahrrad reparieren.

In altri casi “zu” si colloca prima dell’infinito alla fine della frase. Tra la proposizione principale e la proposizione infinitiva può esserci una virgola.

Es fängt an zu regnen.
= Es fängt an zu regnen.
Hör auf zu rauchen.
= Hör auf zu rauchen.
Ich habe vor, ein Konto zu eröffnen.
= Ich habe vor, ein Konto zu eröffnen.
Ich bitte Sie, hier noch zu unterschreiben.
= Ich bitte Sie, hier noch zu unterschreiben.

Infinitivsätze mit “zu”

Strutture con “zu” prima dell'infinitivo:

  • “es ist” (è) + aggettivo:

    Es ist gesund viel Obst zu essen.
    = Es ist gesund viel Obst zu essen.
  • “haben” (avere) + sostantivo:

    Ich habe jetzt keine Zeit mit dir zu sprechen.
    = Ich habe jetzt keine Zeit mit dir zu sprechen.
    Wir haben die Absicht, die Sache noch einmal zu besprechen.
    = Wir haben die Absicht, die Sache noch einmal zu besprechen.

Quando c'è un solo soggetto in una proposizione ma due verbi, questi possono essere collegati con "zu". In questo caso il primo verbo deve essere coniugato e il secondo verbo è all'infinito alla fine della proposizione.

Helga versucht zu schlafen.
= Helga cerca di dormire.

Quando la proposizione è infinitiva è necessario usare una virgola. In una proposizione infinitiva il verbo della proposizione principale si riferisce all'azione della proposizione subordinata. L'infinito preceduto da "zu" è l'ultima parola della proposizione.

Helga versucht, nachts früh zu schlafen.
= Helga tenta di addormentarsi presto di notte.

L'infinito con "zu" è frequente soprattutto dopo particolari verbi. Alcuni di questi verbi sono elencati a seguire:

versuchen
= cercare, tentare
Ich versuche, die Vokabeln so schnell wie möglich zu lernen.
= Cerco di imparare i vocaboli più velocemente possibile.
hoffen
= sperare
Ich hoffe, dich bald wiederzusehen.
= Spero di rivederti presto.
vorschlagen
= proporre
Ich schlage vor, heute Abend in einem Restaurant zu essen.
= Propongo di mangiare in un ristorante stasera.
aufhören
= smettere
Ich habe letzten Freitag aufgehört zu rauchen.
= Venerdì scorso ho smesso di fumare.
beginnen
= iniziare
Morgen beginne ich, abends eine Stunde Sport zu machen.
= Domani inizio a fare un'ora di sport la sera.
sich freuen
= rallegrarsi
Ich freue mich, dich am Wochenende zu treffen.
= Sono contento di vederti nel fine settimana.

Particelle modali

Il tedesco è una lingua ricca di particelle modali. Le particelle modali sono frequenti soprattutto nella lingua parlata. Sono parole invariabili che esprimono un'intenzione e spesso un'emozione particolare di chi parla, e per questo possono rinforzare o indebolire l'effetto delle proposizioni parlate.

"Tramite loro chi parla può segnalare certezza, supposizione, distanziamento, atteggiamento emotivo o razionale e valutazione qualitativa."

Molte particelle modali possono avere diversi significati. Normalmente si trovano al centro della proposizione dietro al verbo e al pronome.

Esempi di alcune particelle modali:

aber
= ma
Das war aber ein Film! Ich werde ihn Jahre lang nicht vergessen.
= Ma che film! Non lo dimenticherò per anni.
doch
= davvero, dai, certo
Wieso stehen Sie vor der Tür? Kommen Sie doch rein!
= Perché state fuori dalla porta? Entrate, dai!
bloß
= ma, proprio, solamente
Wo ist bloß meine Brille? Ich hatte sie doch eben noch.
= Ma dove ho messo gli occhiali? Ce li avevo proprio poco fa.
denn
= allora
Wieder bei der Arbeit? Bist du denn wieder ganz gesund?
= Hai ricominciato a lavorare? Allora sei guarito completamente?
ja
= sì, ma, anzi, perfino, mica
Horst kann mir das Rauchen nicht verbieten. Er ist ja nicht mein Vater.
= Horst non mi può ordinare di smettere di fumare. Non è mica mio padre.
wohl
= certamente, forse, davvero
Mit 200 km/h auf der Landstraße! Du bist wohl lebensmüde!
= A 200km/h sulla strada provinciale! Sei davvero stanco di vivere!
eigentlich
= in realtà, veramente
Du sag mal, ist Paul eigentlich verheiratet? Ich sehe ihn immer allein auf den Partys?
= Dimmi, ma Paul in realtà è sposato? Lo vedo sempre da solo alle feste.
schon
= ecco, sì, già, mai
Er hatte sowieso nicht mehr viel Geld im Spiel. Wie hoch kann der Verlust schon sein?
= Comunque non aveva più molti soldi in gioco. Quanto potrà essere mai il danno?
Torna all’inizio